Qualità & Ottimizzazione dei Tempi

Obiettivi del corso

Scopo del corso teorico-pratico, giunto alla sua 29a edizione e frequentato da oltre 400 corsisti, sarà quello di approfondire i diversi ambiti dell’odontoiatria restaurativa diretta e indiretta, soprattutto attraverso le 35 ore effettive di attività pratica. 
Il fine sarà quello di suggerire consigli pratici per affrontare con serenità e successo l’attività clinica quotidiana, evitando sprechi di tempo e rendendo semplice e snello per tutti il processo di recupero dell’elemento dentale compromesso. Il corso è composto da 8 giornate, 2 su Restauri Diretti Posteriori, 2 su Restauri Diretti Anteriori, 2 su Denti trattati endodonticamente , Intarsi e Perni in Fibra di Vetro e 2 su Faccette, Smile Design, Rialzi di dimensione verticale e Fotografia.

4

INCONTRI

8

GIORNATE

35

ORE DI PRATICA

50

CREDITI ECM

Prossime edizioni

Maggio 2021

Date del corso:
7-8 Maggio
9-10 Luglio
17-18 Settembre
29-30 Ottobre

Marzo 2021

Date del corso:
26-27 Marzo
29-30 Aprile
28-29 Maggio
18-19 Giugno

Gennaio 2021
SOLD OUT

Date del corso:
15, 16 gennaio
19, 20 febbraio
12, 13 marzo
16, 17 aprile 2021

Luglio 2020
SOLD OUT

Date del corso:
11-12 Settembre
30-31 Ottobre
27-28 Novembre
18-19 Dicembre

Programma del corso

Modulo 1

Diagnosi
Esame clinico e radiografico | Diagnosi estetica | Come standardizzare
l’esecuzione di radiografie bitewing.

Strumentario
5 ganci universali, 16 frese in totale e 2 modellatori per affrontare tutti i casi clinici, da quelli semplici a quelli più complessi.

Occlusione
Il controllo occlusale: 2 passaggi per regolare altezza e lateralità del restauro evitando interferenze. A quali aree del dente prestare particolare attenzione per evitare fallimenti e fratture.

Adesione
Lo stato dell’arte e le procedure cliniche affidabili per ottenere restauri duraturi ed eliminare la sensibilità post-operatoria. Come sfruttare al meglio tutte le proprietà dei sistemi adesivi.

Isolamento
Tutti i trucchi per adattare al meglio la diga di gomma, anche nei casi complessi.

I Classi
La preparazione di cavità e la stratificazione ideale per minimizzare la contrazione dei compositi ottenendo restauri naturali ed estetici, riducendo al massimo i ritocchi occlusali dopo aver rimosso la diga.

II Classi
L’analisi dei punti di contatto e la loro creazione con i migliori sistemi di matrici disponibili. L’isolamento dei denti nei casi complessi, in presenza di cavità profonde o in aree con limitata visibilità. La gestione delle seconde classi profonde: come adattare la matrice senza deformarla, evitando i debordi di composito e rifinendo con semplici steps.

PRATICA
Tutti i corsisti eseguiranno 2 prime e 2 seconde classi di diversa complessità per imparare a gestire al meglio le matrici, i cunei ed i ganci nei casi complessi.

Modulo 2

Diagnosi
Esame clinico e radiografico | Diagnosi estetica | Come standardizzare
l’esecuzione di radiografie bitewing.

III IV Classi
Come scegliere il colore evitando errori visibili solo dopo la reidratazione
dei denti | La preparazione di cavità standardizzata | Come ottenere il mimetismo nei casi complessi con una o due masse di composito correttamente stratificate | La ricostruzione di elementi altamente compromessi per ottenere restauri brillanti e duraturi, privi di aloni grigi sul margine | Gli “effetti magici” per dare il tocco di classe ai restauri estetici | La ricostruzione del dente con l’utilizzo della mascherina guida in silicone, sfruttando la ceratura diagnostica o costruendo da soli alla poltrona una guida personalizzata.

Traumi
Come recuperare un elemento altamente compromesso o avulso

Il lifting estetico del dente
Come modificare la forma ed effettuare modifiche estetiche nei settori anteriori, allungare margini incisali, chiudere diastemi, modificare le linee di transizione e le proporzioni.

V Classi
Come gestire le V classi, dall’isolamento sino al condizionamento dello zenith gengivale, anche attraverso la tecnica BOPT.

Sbiancamento
Come effettuarlo per ottenere risultati predicibili. Confronto tra le tecniche In-office VS Home bleaching. Lo sbiancamento interno del dente devitalizzato ipercromico: ottenere risutati predicibili evitando riassorbimenti.

PRATICA
Tutti i corsisti eseguiranno una IV classe complessa con l’utilizzo di mascherine guida e matrici, chiuderanno un diastema ed eseguiranno una V classe con tecnica BOPT.

Modulo 3

Perni in fibra
Indicazioni, pregi e limiti | Tecniche di cementazione e materiali per
evitare la decementazione | Quale perno scegliere e quando il perno è veramente necessario? | Come valutare l’effetto ferula.

Gli intarsi in composito e in disilicato
Quando e come proporli. I benefici e i limiti.

Build up
Come realizzarlo, quali materiali utilizzare e come rifinirlo in casi semplici ed estremi. Quando scegliere tra rialzo del gradino cervicale e allungamento chirurgico di corona clinica. Le tecniche di preparazione cavitaria standardizzate sulla base della corretta diagnosi preliminare.

Il lifting estetico del dente
Come modificare la forma ed effettuare modifiche estetiche nei settori anteriori, allungare margini incisali, chiudere diastemi, modificare le linee di transizione e le proporzioni.

Presa dell’impronta
I materiali ed i sistemi adeguati per ottenere intarsi di estrema precisione. L’impronta digitale: come sfruttare al meglio i vantaggi.

Realizzazione dell’intarsio
Gestione dell’anatomia e dei punti di contatto.

Cementazione e rifinitura dell’intarsio
3 step per evitare imprecisioni e debordi.

PRATICA
Tutti i corsisti cementeranno un perno, realizzeranno 4 build-up e prepareranno 4 diversi elementi dentari con differenti configurazioni cavitarie di diversa complessità.

Modulo 4

Fotografia
Come impostare la macchina fotografica ed il flash. Quale macchina fotografica scegliere? La fotografia di base e quella artistica d’effetto.

La valutazione estetica del settore anteriore
Come ricercare anomalie estetiche nel sorriso, come farle notare al paziente e come proporre il piano di trattamento, anche attraverso le strategie di marketing.

Smile Design
Come modificare il sorriso digitalmente con l’utilizzo dei software dedicati.

La ceratura diagnostica
Cosa analizzare nei modelli preliminari, cosa e come richiedere la sua esecuzione all’odontotecnico.

Lo stampaggio del mock-up a scopo di previsualizzazione
Come conquistare il paziente. Il mock-up sottrattivo e additivo.

La scelta del tipo di preparazione e degli spessori
PREP o No PREP? | Come effettuare la preparazione guidata attraverso il mock-up realizzato sulla base della ceratura, attraverso la tecnica BLUE PATH MOCK-UP, a prova d’errore sia per chi non realizza abitualmente faccette che per chi vuole preparare elementi dentari con il pieno controllo degli spessori in minor tempo.

L’impronta analogica / digitale e la registrazione occlusale
Quali materiali utilizzare e come gestire al meglio il provvisorio.

Il materiale
Feldspatica o disilicato? Quali sono i criteri di scelta tra i 2 materiali. Il punto di vista dell’ odontotecnico, a cura dell’odontotecnico G. Faccin.

La prova e la cementazione delle faccette
Video su paziente

Il maryland bridge
L’attualità e le potenzialità dell’adesione.

I rialzi di dimensione verticale: la diagnosi e la loro gestione attraverso un protocollo semplice e ripetibile
Casi clinici e video su paziente con descrizione delle procedure di studio e di laboratorio a cura dell’odontotecnico G. Faccin.

I casi clinici
Dalla faccetta singola alla riabilitazione estesa, con video su paziente.

PRATICA
Live demonstration sulle tecniche di fotografia, impostazioni delle macchina fotografica, utilizzo di apribocca e specchi. Tutti i corsisti stamperanno il mock-up guida su un gruppo frontale superiore, da 13 a 23, ed eseguiranno le preparazioni di faccette su elementi con difetti di forma e posizione. Infine stamperanno e rifiniranno il provvisorio per faccette.

Sede del corso

Hotel Vittoria: Via X Giornate, 20, 25121 Brescia (BS)
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram